sabato 31 agosto 2019

Mario Botta - Sentieri e Pensieri 2019



Edizione 2019 di Sentieri e Pensieri a Santa Maria Maggiore (VB). Alla fine della conferenza per la presentazione del suo ultimo libro: "Angeli, arcangeli e demoni del Ticino" l'architetto Mario Botta ha accettato di rispondere alle consuete 3 domande di hashtag, più una, abbiamo infatti aggiunto una domanda finale su un argomento spinoso. Ecco cosa ci ha raccontato il Maestro:







venerdì 30 agosto 2019

Roberto DeFeo - Locarno 72


Abbiamo intervistato il regista Italiano Roberto DeFeo. DeFeo presenta a Locarno il suo primo lungometraggio: Il Nido/The Nest, un horror di formazione, come da lui stesso definito. 
Hashtagch: Come nasce l'idea di un film horror?
Roberto DeFeo:  Ho passato praticamente tutta la mia vita guardando film dell'orrore, alla fine di ogni film di solito pensavo sempre a come avrei girato quella storia, come l'avrei cambiata, che impronta avrei dato. Questo mi ha portato nel corso degli anni a scrivere 500 storie dell'orrore. Per i film scelgo tra le storie che ho scritto, in base a diversi fattori, non ultimo lo stato d'animo del momento. 
Hashtagch: Quali sono i registi dell'orrore, e non, che ti hanno ispirato maggiormente?
Roberto DeFeo: i soliti grandi Maestri italiani: Argento, Fulci, Bava hanno ispirato tantissimo le storie che ho scritto nel corso degli anni. Sul cinema internazionale sicuramente c'è più scelta. Se devo citarne uno però direi Gans, il regista francese che è tra i miei preferiti del cinema horror. 
Hashtagch: Un'ultima domanda come scegli i tuoi attori? 
Roberto DeFeo: sicuramente scelgo gli attori che trasmettono maggiormente l'idea che avevo dei personaggi scritti. Con il nido sono stato particolarmente fortunato perché quasi tutti gli attori erano esattamente aderenti ai personaggi della sceneggiatura, tranne che per il personaggio di Denise che avevo immaginato diversa, ma che si è rivelata una interprete perfetta per la storia.





domenica 25 agosto 2019

Kiyoshi Kurosawa e Atsuko Maeda - Locarno 72



Photocall e red carpet per il regista giapponese Kiyoshi Kurosawa, accompagnato dall'attrice 
Atsuko Maeda. Entrambi a Locarno 72 per presentare il loro ultimo film: Tabi no owari sekai no hajimari (To the ends of the earth) girato tra Uzbekistan e Qatar.









Canova - Locarno 72


Di passaggio sul red carpet del Locarno Festival, la band indie milanese dei Canova, che ha poi chiuso la rassegna La Rotonda 2019. Matteo Mobrici, Fabio Brando, Federico Laidlaw e Gabriele Prina, freschi della pubblicazione del nuovo album “Vivi per sempre” per Maciste Dischi erano al primo concerto in Svizzera.

sabato 24 agosto 2019

Mirko Aretini, All you can read - Fiera del Libro di Como

Durante una serata a Il Rivellino LDV di Locarno, abbiamo conosciuto l’autore Mirko Aretini ed il suo editore Silvano Repetto, e ci ha presentato All you can read.

Un romanzo, o meglio un libro con due romanzi brevi entrambi molto scorrevoli e da gustare tutto in un colpo, adatto a chi non ama i mattoni che restano abbandonati sul comodino per mesi.

Il critico gastronomico che vuole raccontare la "verità” scomoda dei nostri tempi dove certi programmi di alta cucina e ristoranti fanno vedere solo il bello, ma poi dietro le quinte … 

Per il secondo racconto, l’autore ha scomodato Cristo, che ritorna sulla terra, tra le righe si può leggere: “cosa cambieresti oggi dopo 2000 anni”. 

Non ci resta che invitarvi alla manifestazione per parlare direttamente con Mirko: Domenica 25 Agosto alle ore 21 alla Fiera del Libro di Como



venerdì 23 agosto 2019

Roberto Pellegrini - Locarno 72












Roberto Pellegrini, fotografo storico del Locarno Festival e anche di diverse edizioni della Mostra del Cinema di Venezia, ha risposto alle consuete tre domande di Hashtag. 
Ecco cosa ci ha raccontato:



  Prossimi appuntamenti:

- Sabato 24 agosto alle ore 17.00, Roberto Pellegrini sarà ospite della Casa Rotonda, sede dell'Archivio Donetta, (si trova originariamente nel comune di Corzoneso ora Acquarossa)  per un incontro durante il quale passerà in rassegna il suo percorso artistico e si soffermerà in particolare sulla tecnica utilizzata nel caso di «Doppio Istante»

- Sabato 31 agosto, ore 21 Prosecuzione del festival Sguardi sui Territori di Gemona del Friuli (UD) nel comune di Montenars: proiezione notturna:
 "I roccoli nel paesaggio" di Roberto Pellegrini (Museo Etnografico della Valle di Muggio,
 Centro di Dialettologia e di Etnografia)  



Festival Internazionale di Narrazione di Arzo - Ventesima edizione













Il Festival internazionale di Arzo alla sua ventesima edizione.
Dal 29 agosto all’1 settembre 2019.
Un’edizione speciale: vent’anni di Festival




Agosto 2000, nasce il Festival internazionale di narrazione di Arzo.
2019, il Festival è pronto per l’importante traguardo: la ventesima edizione. 
A festeggiare ci sono tanti artisti, spettacoli, appuntamenti e sorprese. Al centro di tutto rimane “la narrazione”, intesa come occasione per creare connessioni e approfondimenti, restituita in una proposta articolata e inclusiva, che pensa a tutti: bambini, ragazzi, adulti. Quest’anno, a ospitare gli spettacoli e i loro narratori, in aggiunta alle tradizionali corti del paese, è riproposta la cornice d’eccezione delle cave di marmo.
 Ad aprire l’edizione, la sera di giovedì 29 agosto, è la magia delle Metamorfosi ovidiane di e con Gaetano Colella, Enrico Messina e Daria Paoletta. La programmazione prosegue poi con storie di frontiera: la Compagnia degli (S)legati porta in scena il complesso rapporto uomo-montagna; Stefano Beghi le vicende di quotidiano contrabbando sul confine italo-svizzero. Al femminile è la narrazione di Marta Cuscunà, che con La semplicità ingannata riflette sulle possibilità di (r)esistenza; e quella della compagnia Bam!Bam! Teatro che con Il taccuino di Simone Weil racconta la vita e il pensiero della grande filosofa. Elisabetta Salvatori e Naya Dedemailan, invece, affrontano il tema della fragilità: di un grande musicista la prima e di una giovane ragazza la seconda. 
Tra gli artisti più affezionati tornano Antonio Catalano, con la sua fantasia travolgente, e Luigi D’Elia con un omaggio a Jack London. L’incontro tra culture è raccontato da Thioro. Un cappuccetto rosso senegalese, nato da un progetto del Teatro delle Albe in Senegal, mentre interamente in lingua francese è Conference de choses, la performance imprevedibile di Pierre Mifsud.
Incredibili animali, paesaggi incantati, oggetti insoliti aspettano poi gli spettatori più piccoli, nelle giornate di sabato e domenica, con le loro straordinarie avventure.

Inoltre, accanto alle proposte teatrali, altre iniziative si intrecciano tra le vie di Arzo. Tra queste ricordiamo gli incontri di approfondimento con il pubblico, gli artisti e alcuni ospiti in Corte dei Miracoli; la proiezione del documentario Dem Dikk Africa – Africa film di Kamera Film in Corte Camaleonte; l’esperienza del Giardino Sensibile; l’allegria del gruppo musicale Bevano Est e l’attività di varie associazioni in piazza e tra le strade del paese.








mercoledì 21 agosto 2019

Carlo Sortino - Locarno 72




Il Festival di Locarno non vuol dire solo film in concorso, ma anche possibilità di promozione per produttori, attori, registi locali come Carlo Sortino.
Carlo dopo i mitici fotoromanzi, dove curava dalla stesura alla fotografia, si è dato al cinema, oggi é al suo 14° film.

Il suo film "Lei & Lui delitti in laguna" in anteprima, al Cinema Forum di Bellinzona, il 6 novembre.

Buona visione a tutti





martedì 20 agosto 2019

Olivier Zabat & Emmanuelle Manck - Locarno 72



Intervista sulla terrazza dell'Hotel Garni du Lac di Locarno per Emmanuelle Manck e Olivier Zabat, che presentano il loro documentario "Arguments" al Locarno Festival 2019. Il Documentario tratta il difficile tema della malattia mentale. Gli autori ci hanno raccontato la genesi della loro opera.

lunedì 19 agosto 2019

Oksana Mazourik - Il Rivellino LDV Locarno



Una battuta rapidissima con la regista Oksana Mazourik che, nella splendida cornice del centro culturale Il Rivellino di Locarno, ci ha raccontato qualcosa del suo film.








domenica 11 agosto 2019

Sébastien Lifshitz - Locarno 72


Intervista insolita, solo audio, al regista francese Sébastien Lifshitz, che presenta a Locarno 2019 il suo
film documentario: "
Adolescentes". Ecco cosa ci ha raccontato:


mercoledì 7 agosto 2019

Wang Yigang - Il Rivellino LDV Locarno


Abbiamo intervistato il Maestro cinese Wang Yigang, presso il centro culturale Il Rivellino di Locarno, poco dopo la sua performance pittorica.
Ha risposto alle consuete tre domande di hashtagch. Ecco cosa ci ha raccontato:


Tim Parchikov - Il Rivellino LDV Locarno


Abbiamo avuto il piacere di intervistare l'artista russo Tim Parchikov, presso il centro culturale Il Rivellino di Locarno, dove presentava il suo progetto "Suspence" in forma di video installazione.
Ha risposto alle consuete tre domande di hashtagch. Ecco cosa ci ha raccontato:




venerdì 2 agosto 2019

Andrea Bignasca - Vallemaggia Magic Blues

Poco prima della sua esibizione di Cevio, per il Vallemaggia Magic Blues, il rocker ticinese Andrea Bignasca ha risposto alle consuete tre domande di hashtag.ch. Ecco cosa ci ha raccontato:





Erika Lerma - Illustratrice Ist.Erikah

  Testo di Michele Gavazza, Illustrazioni Erika Lerma In occasione dell’uscita di: “ Buongiorno Wuhan ” di Sara Platto, abbiamo intervistato...